Vespa elettrica 2019: caratteristiche tecniche e funzionalità

Una nuova versione a zero emissioni per un’icona di stile. Anche la cara, bellissima e vecchia Vespa è pronta ad arrivare sul mercato nella sua versione elettrica. Non era difficile immaginarlo, ma ora ne abbiamo la certezza. Uno dei pezzi più importanti e rappresentativi dell’Italia nel mondo, si adegua ai nuovi standard di mercato per giungere in corsa con rinnovata freschezza.

vespa-elettrica-2019

Caratteristiche della Vespa elettrica 2019

A prima vista, per quanto riguarda l’estetica, quasi non ci si accorge dei cambiamenti. Si tratta pur sempre di una bellissima donna che non lascia trapelare nulla sui suoi trattamenti. Eppure, a guardarla con occhio appena più attento, si può notare che il tubo di scarico è assente.

La nuova Vespa elettrica 2019 non ha il motore elettrico al di sopra della ruota posteriore, ed è uno dei pochissimi scooter a non rispondere a questa caratteristica.

Il suo propulsore brushless da 3.5 kW può arrivare a un picco di 4 kW con un motore che lavora in alta tensione. Questo è sicuramente un fattore anch’esso molto raro da trovare in questa tipologia di scooter.

Tutte le caratteristiche apportate alla Vespa elettrica 2019 ne migliorano moltissimo le prestazioni, rendendolo il mezzo più agile, scattante e performante.

Le misure della nuova Vespa

La signorina è davvero molto bella e sinuosa nelle linee, ma a questo eravamo già abituati.

Misura 1,87 metri di lunghezza ed è larga 74 cm. La sella è a 79 cm da terra e pesa 130 kg. Il cerchio anteriore, in lega di alluminio, è appena più grande di quello posteriore, il mono disco davanti è grande 20 cm e il tamburo dietro 14 cm, fattore che ne garantisce una buona frenata.

Vespa elettrica 2019: le batterie

Argomento fulcro di quando si parla di mezzi elettrici sono ovviamente le batterie.

Le batterie montate sulla Vespa elettrica 2019 sono da 4.2 kWh e si ricaricano in tempi molto più veloci rispetto a quelle utilizzate in altri mezzi.

Sono necessarie circa 4 ore con una comunissima ricarica domestica. L’autonomia è di circa 80 km se guidata in modalità Power, ma si alza a 100 km se guidata in modalità Eco.

Cosa significa in termini pratici?

La modalità Eco limita la velocità massima, ma limita anche la potenza del motore, quindi si guiderà un mezzo un po’ meno performante.

La modalità Power, probabilmente quella più apprezzata, è molto più performante. Ha un consumo di batteria maggiore ma è un consumo abbastanza sostenibile considerati i rapidi tempi di ricarica.

Vespaelettrica-2019

Tutte le funzionalità della nuova Vespa elettrica

Restiamo in argomento batterie e ricarica dicendo subito che le batterie della nuova Vespa elettrica non sono removibili ma, a parte un leggerissimo fastidio rispetto alla flessibilità dell’operazione, basterà estrarre dalla sella il cavo a spirale e collegarlo. Se si utilizza la corrente domestica, si dovrà solo ricordare l’adattatore.

Il vano portaoggetti è decisamente comodo, questo grazie anche alla presenza di una porta usb che consente la ricarica dello smartphone. Un pò meno comodo, invece, è il porta casco nel vano della sella. Abbiamo notato che le dimensioni non sono sufficienti per un jet standard e risulta essere quasi obbligatorio il bauletto extra.

I pulsanti per selezionare le modalità di guida, lo start, frecce, luci, clacson e quant’altro, sono posizionati nella loro classica posizione.

Particolarmente bello è il display che fa capire come la nuova Vespa elettrica sia stata davvero ben studiata e realizzata sul fronte delle nuove tecnologie così da essere maggiormente rispondente alle nuove richieste del mercato.

Il display montato è un display TFT a colori da 4.3 pollici ed è dotato di un sensore crepuscolare che cambia il tono delle luci a seconda del momento della giornata e rispetto a quanta luce prende il display.

Questo è un dettaglio decisamente funzionale, soprattutto per chi ha problemi di stanchezza oculare, ad esempio. Le differenti luminosità non infastidiscono l’occhio di chi guida e garantiscono un maggiore comfort.

Passiamo alle funzionalità interessanti per i più nerd e smanettoni: la Vespa elettrica 2019 vive una perfetta integrazione con lo smartphone grazie a un’app dedicata.
Una volta installata e sincronizzata, sul display dello scooter verranno visualizzati messaggi, notifiche e chiamate in entrata. Se si utilizza un casco con interfono, i pulsanti sul manubrio serviranno anche a rispondere alle telefonate, solo se realmente necessario, eh.

vespa-elettrica2019

Il motore della Vespa elettrica 2019

Il motore di questa nuova Vespa stupisce immediatamente per la sua silenziosità. Si avvia molto dolcemente ed è caratterizzato da un’erogazione progressiva che rende il mezzo piacevolissimo da guidare, anche in condizioni di massimo traffico urbano.

L’unico piccolo difetto che si è riscontrato è relativo alla potenza: probabilmente dovrebbe esserne erogata un po’ di più per poter avere quella piccola spinta a volte necessaria.

In generale, comunque, si tratta di un ottimo motore e le modalità di guida Eco e Power sono molto apprezzabili.

Quanto costa questo nuovo mezzo elettrico

Veniamo alle note dolenti: il prezzo della Vespa elettrica 2019.

Il prezzo da listino proposto è di 6.390 euro, non esattamente un prezzo concorrenziale o mettibile a budget da chiunque.

Considerando, però, la qualità del prodotto, le sue funzionalità, lo studio fatto sullo sviluppo tecnologico, la sicurezza e il fatto che si tratta di un brand iconico, perché Vespa è a tutti gli effetti un brand, è una cifra assolutamente giustificabile. Che poi non la si voglia affrontare, è un altro discorso.

Vespa elettrica 2019: cosa ne pensiamo?

Alla fine di questo nostro percorso in sella alla Vespa elettrica 2019 possiamo dire di essere assolutamente soddisfatti di questo nuovo scooter, interessante e bello come sempre.

L’estetica è certamente uno degli aspetti che più colpiscono e ci legano affettivamente al mezzo, ma la nuova tecnologia e la sempre rinnovata attenzione alla qualità di ogni singola componente utilizzata, ci fa aggiungere punti a uno dei simboli più importanti e preziosi della storia dei brand italiani.

Non ci resta che vederci in giro. Su una Vespa elettrica, ovviamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *